Perche’ diventare Web Designer freelance

perche-diventare-web-designer

perche-diventare-web-designer

Domandona: cosa puo’ spingere una persona a diventare un Web Designer Freelance?

Cos’e’ innanzitutto: un Freelance? E’ un libero professionista, semplicemente, che decide di svolgere un’attivita’ tutta sua in maniera libera; il termine deriva dai mercenari inglesi (free lance, lancia libera, indipendente, non  appartenente a qualcuno, ma solo a chi lo paga).

La figura del Freelance nel modo modernamente inteso e’ relativamente giovane e ha riguardato, per un buon periodo, specialmente i fotografi. Infatti le testate giornalistiche invece di inviare i propri dipendenti-fotografi, spesso hanno preferito acquistare le foto da chi, indipendentemente, le aveva fatte, anche perché non sempre possono sapere cosa sta per succedere e dove… Quindi: Web Designer Freelance, ossia un libero professionista che si occupa di Web Design.

Innanzitutto il mercato del lavoro e’ complesso e non solo la motivazione di aver più tempo per sé, o di gestirselo da solo, di essere un bravo designer oppure di aver la passione del web, puo’ bastare. Anche perché c’e’ la concorrenza, a volte piove, la bravura e’ soggettiva e le passioni cambiano. Più di tutto credo ci sia una concomitanza di fattori che puo’ spingere una persona a fare ‘il grande salto’. La parte amministrativa (partita Iva, fatturazione, commercialista, ritenute, spese deducibili e quant’altro) e’ poi tutt’altro che semplice e ci sono interi uffici che solamente di questo si occupano. Un dato curioso che mi ha impressionato riguardo alla gestione, giusto per fare un esempio, e’ stato in ‘occasione’ della guerra in Iraq, ove l’Italia ha inviato circa una dozzina di aerei. Ecco: per la gestione di questi (pochi) aerei ha dovuto inviare più di un centinaio di mezzi per la gestione: le cucine, i rifornimenti, psicologi, amministrativi, galoppini e quant’altro. Questo per dire che, a volte, per ‘pochi’ mezzi operativi, occorre averne moltissimi gestionali. Quindi la parte della gestione pura non e’ affatto una passeggiata, e un free-lance deve fare pressoché tutto da solo. Inoltre: se prima si era un Web Designer per conto di un’azienda occorre tener presente che i computer, i programmi e tutto quello che serve va acquistato e in un mondo come quello della tecnologia, dove tutto si muove alla velocita’ della luce, sappiamo bene che l’investimento iniziale, se si vuole fare bene, e’ tutt’altro che economico poiché schermi, computer, stampanti, hard disk e portatili, costano.

Poi occorre anche farsi una domanda fondamentale: sono Bravo?

E forse ancor prima: cosa vuol dire essere bravo?

perche-diventare-web-designer-freelance-foto-1

Questo argomento e’ infinito. Faccio notare: soluzioni che possiamo giudicare ‘brutte’ possono funzionare e viceversa. Occorre, secondo me, fare un gran bel bagno di umilta’, poiché quello che possiamo fare e’ aiutare le persone a far le scelte migliori anche se, probabilmente, a priori, neanche noi stessi (anche con cent’anni di esperienza alle spalle) sappiamo quali siano. Quindi, ascoltare, innanzitutto.
I rischi, poi, rispetto al lavoro dipendente si moltiplicano, anche in termini di tempo. Potrebbe accadere infatti che invece di lavorare per otto ore classiche, un Web Designer, debba lavorarne molte di più e quindi la motivazione di cui sopra ‘voglio gestirmi il mio tempo’ andrebbe a farsi benedire. Inoltre puo’ capitare di tutto: clienti insoddisfatti o che non pagano o l’improvvisa esplosione del nostro preziosissimo hard-disk. Ben inteso: qui non si vuole scoraggiare nessuno, anzi, ma far capire che il mondo la’ fuori e’ duro e duri bisogna essere se si vuole combattere da soli.

Mi piacerebbe discutere su questi punti e sarei curioso di conoscere le vostre opinioni.

Scritto da Magoo

Magoo

Web Developer & Mobile Developer, Game Lover insomma un Nerd.
Co-founder Iwebdesigner.it, Nerdzhouse SRL.
Prendo a schiaffi la tastiera fino a quando non succede qualcosa di buono.

COMMENTA

Loading Disqus Comments ...
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *