Perché ho votato Rudy Bandiera!

rudy-bandiera-iwebdesigner

La cosa brutta di Rudy Bandiera sapete quale è? La stessa cosa di quella bella, semplice, siete confusi? Ma no dai, non dovete essere confusi ora ve lo spiego: semplicemente i due lati, quello positivo e quello negativo coincidono.

Ora vi starete chiedendo e sicuramente se lo sta chiedendo anche lui “ma che cavolo stai dicendo?” o meglio “ma chi cavolo sei?”. Precisazione non sono un emerito nessuno, se non una persona che scrive su un blog, vi sto semplicemente raccontando una mia impressione, questo è il mio punto di vista; badate bene io, Rudy, non lo frequento e non lo conosco approfonditamente, l’ho visto la prima volta quest’anno al Social Media Marketing Day di Milano e ho scambiato con lui 2 chiacchiere.

Perché allora mi permetto di scrivere qualcosa su tale persona o addirittura di pensare di poter spiegare a voi, fra cui sicuramente c’è chi lo conosce molto, ma molto meglio di me, quale siano le sue peculiarità e caratteristiche. Semplicemente perché ognuno di noi si fa una impressione istantanea di una persona non appena la incontra dal vero e non “vivendola” nel digitale.

Nel digitale più o meno teniamo tutti un comportamento molto soft, a tratti pieno di convenevoli, di battute, di educazione, di malcelato o ben celato professionismo, abbiamo una maschera, su questo concetto poi torneremo magari, la maschera del nostro “io digitale“; ora nonostante tutti i più eminenti blogger e sociologi sostengano che anche in rete ci si deve presentare e rappresentare come si è anche nella vita in 3d, sappiate bene che questo non spesso accade.

E’ facile dietro lo schermo fare i simpaticoni e magari acchiappare qualche like in più, rispondere cortesemente, essere professionali, però poi c’è la vita reale, la vita fatta da incontri e strette di mano; ora certo Rudy non è Rihanna (peccato), ma certo non è uno sconosciuto, almeno nel suo ambiente, dunque era plausibile pensare o supporre, per chi non lo conosce bene, che potesse essere diciamo… non facilmente raggiungibile.

Invece il suo lato positivo  é proprio quello di essere  disponibile e cordiale come l’ho trovato in rete, di essere quasi “no filter” (che sia questo il suo lato negativo?) senza un controllo preimpostato o una predisposizione ad un atteggiamento costruito.

Chiaramente c’è chi lo stima e c’è chi lo critica, il caso di #UnaMacchinaPerRudy per @SmartItalia è stato abbastanza cristallino in questo; credo che sia stato il momento più alto della sua notorietà, il momento in cui i thread dei social in Italia lo hanno premiato e hanno fatto puntare su di lui le attenzioni e anche le critiche di molti.

Ma perché criticarlo? Sia che sia stata una abile mossa commerciale, sia che sia nato per gioco, sia che glielo abbiano suggerito, è stato semplicemente un tocco di maestria. Un semplice tocco di maestria. “Estote parati” è un motto a me caro, purtroppo non solo a me: “Sii sempre pronto”  è sinonimo di arguzia e intelligenza, essere pronti significa saper reagire velocemente agli accadimenti che ci circondano e sfruttarli a nostro vantaggio.

rudy-bandiera

Joe Hallenbeck diceva “Noi boyscout abbiamo una filosofia semplice: il cielo è azzurro, l’acqua è bagnata e i predatori sono sempre in agguato e sempre più forti… Il nostro motto è “sii sempre pronto”. 

Io trovo Rudy prontosemplice nel suo modo, semplice nei comportamenti, pronto nel suo stare al gioco dei riflettori, se lo fa per dimestichezza o per naturalezza, non lo posso sapere, ma è per queste sue caratteristiche che l’ho votato come “Miglior Personaggio” per i MIA 2014, ma non solo.

Se volete capire, perché non lo sapete, cosa sia il “Macchianera Italian Awards” potete andare qua  per farvi una idea, il concetto fondamentale è che questo signore di nome Bandiera salito alle cronache fra spritz, smart, blog e credo tanta gavetta e facendosi un culo tanto,  concorre con personaggi del calibro di Papa Francesco, il premier Matteo Renzi a cui è caro il motto estote parati,  Beppe Grillo, Fiorello, Pif e altri esimi colleghi che sicuramente bravi, sicuramente professionali, sicuramente meritevoli, probabilmente hanno un impatto mediatico lievemente superiore a quello del buon Rudy.

Ora essere arrivati fino ad una Nomination può essere considerato da qualcuno già un premio, ma per me no, per me ora deve vincere, perché a me ricorda il blogger della porta accanto, il blogger pane e salame, quello che puoi incontrare ai tavolini del bar con uno spritz in mano, è uno qualunque, bravo si, ma qualunque che emerge e io lo voto!

Rudy è Rudy nel bene e anche nel male e se la vita è una rappresentazione continua, un teatro come diceva il buon Erving Goffman,  lui sul palco ci sa stare, eccome se ci sta stare e quindi lo voto perché per me se lo merita.

Ah Rudy su wikipedia italia non ti ho trovato, che faccio aggiungo ?

Scritto da mtderiw

mtderiw

Information Architect and Social Media Strategist, Experienced Test Manager, un edile dell'Informazione imprestato all'informatica o viceversa, scegliete voi! Un pazzo scrivente che ama l'informatica, la comunicazione e... le moto!

COMMENTA

Loading Disqus Comments ...
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *