UX, spazio di lavoro e condivisione

condivisione-e-spazio-di-lavoro

Ho letto un articolo interessante su una della mie riviste online preferite uxmag e lo voglio condividere con voi: il tema riguarda le agenzie di design e come creare un ambiente di sviluppo vincente, aspetto non facile, soprattutto se penso a diverse realtà italiche con cui mi sono confrontato.

Le agenzie digitali sono degli ambienti molto competitivi in cui le nostre conoscenze, le nostre skills, le nostre convinzioni vengono messe a dura prova ogni giorno: dobbiamo realizzare prodotti di alto livelli per clienti sempre più esigenti e per realizzare questo dobbiamo mettere in campo tutte le nostre conoscenze e non solo; spesso questi ambienti diventano luoghi ad alta competitività, dove il “riuscire meglio di altri” può portare a scontri, frenesie ed intere nottate di lavoro chini sul monitor.

Non mi sembra una via molto percorribile, nè fruttuosa dal punto di vista lavorativo.

Non è possibile, né salutare creare un ambiente di lavoro assolutamente asettico o utopisticamente perfetto, dove tutti vanno d’accordo con tutti, esistono grandi livelli di co-partecipazione e gli obiettivi sono condivisi, ma possiamo portare dei miglioramenti.

Il nostro obiettivo deve essere ottimizzare l’efficacia e creare un ambiente di lavoro fruttuoso e creativo: il problema è come arrivare a realizzare tutto questo?!

Un primo piccolo passo potrebbe essere provare a modificare gli ambienti di lavoro.

spazio di lavoro e condivisione

Bisogna sperimentare! Realizzare un ambiente coinvolgente, dinamico e di crescita professionale costante, un ambiente in cui non esistono o, sono ridotti al minimo, spazi oscuri di manovra, richiede una continua sperimentazione: insegniamo a mettere in comune quello che si impara con altri professionisti e team di lavoro.

Condividiamo! Si la parola chiave potrebbe essere proprio condivisione e per condividere è necessario riprogettare gli spazi: provare a riconfigurare le sale conferenze allargandole se sono destinate ad incontri con clienti oppure rimpicciolite se avete bisogno di uno spazio di lavoro più ovattato,in cui le menti sono anche fisicamente vicine; inserite proiettori, lavagne, pennarelli, piante, create delle stanze dove sia possibile progettare, ma anche ricrearsi.

Creiamo design, ma lavoriamo in un ambiente che rispecchia il risultato dei nostri lavori? Spesso no! Realizziamo progetti e prodotti che andranno sul mercato, prodotti dalla forma affascinante e facciamo tutto questo in un ambiente di lavoro che non rispecchia le nostre creazioni: scrivania sporca, fogli sparsi, poca luce, confusione, spazi di lavoro angusti. Non vi sto dicendo che deve essere un luogo asettico, tipo sala chirurgica, ma non pensate che il vostro lavoro migliorerebbe con qualche piccola feature in più?

Non credete che migliorare lo spazio porti ad un desiderio maggiore di confrontarsi, di relazionarsi e di mettere in comune idee e problemi? Avete mai lavorato in uffici con le pareti dipinte di rosso?

Io si! Non dipingete le vostre pareti di rosso, se non volete avere dei collaboratori che si lanceranno la tazza di caffé a fine giornata!

Create l’ambiente giusto, lo spazio di lavoro rispecchierà le vostre creazioni!

Scritto da mtderiw

mtderiw

Information Architect and Social Media Strategist, Experienced Test Manager, un edile dell'Informazione imprestato all'informatica o viceversa, scegliete voi! Un pazzo scrivente che ama l'informatica, la comunicazione e... le moto!

COMMENTA

Loading Disqus Comments ...
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *